Io sono con te

There are smiles I never get tired of.

Ho pensato e ripensato a come scrivere questo post, ma alla fine non ho trovato le parole adatte. Spiegare un legame profondo, sincero e unico come quello tra me e la mia “sorella per scelta” è davvero impossibile. Posso raccontarvo una storia, però, un po’ come farebbe la De Fillipi. Serve solo per dire “Io sono con te”.

Questa è la storia…

Questa è la storia di due ragazze, Giulia e Loredana, che si sono incontrate alle scuole medie durante una corsa campestre. Loredana soccorre Giulia che si è sentita male durante la gara. Non diventano subito amiche, ma si stanno simpatiche ed iniziano a salutarsi e chiacchierare ogni tanto. Non hanno la stessa età, si passano un anno e quando una delle due inizierà le scuole superiori non si vedranno per un po’.

Il destino a volte la sa lunga e le due ragazze si incontreranno di nuovo, per caso, al liceo. La più grande delle due verrà bocciata finendo nella stessa classe dell’amica e ad un certo punto si ritroveranno compagne di banco. Loredana ha dei problemi di salute, Giulia la soccorre spesso ricambiando cento volte l’aiuto ricevuto anni prima.

Per raccontare le avventure di cinque anni tra i banchi non basterebbe un libro intero, ma di sicuro il loro legame si è solidificato: sono sorelle, non di sangue ma per scelta. Una scelta che non lascia spazio alla distanza, rafforza i sogni e asciuga le lacrime.

La vita com’è (diceva Gazzè)

La vita è bella e brutta, picchia e accarezza, abbraccia e volta le spalle. Si può dare il proprio massimo da soli ma per vincere ogni supereroe deve avere il suo alleato, qualcuno che quando tocca il fondo gli scriva “io sono con te” con delle caramelle sul letto. Così si condivideranno sconfitte e vittorie, ed un giorno ci si ritroverà già grandi, pieni di impegni e responsabilità ma con la voglia di tornare bambini. Quel giorno chiami la tua migliore amica e le dici che, anche se è gennaio, con questo sole non si può restare blindate in casa, che hai voglia di far niente e immortalare il momento.

I’m with you.

Troviamo un bel posto sperduto e inizio a fare qualche fotografia. Ho due occhiaie che Kung Fu Panda può solo accompagnare, ma non mi interessa, tanto quelle immagini le vedremo  solo noi due. Quando torno a casa mi accorgo che, oltre alle foto, ho fatto un video. Mi rendo conto di aver toccato per errore un’impostazione della fotocamera di cui ignoravo l’esistenza. Guardo la clip e mi assale la bellezza della spensieratezza, l’autenticità di uno sguardo sincero. Penso “fanculo la mia faccia, questo non può restare chiuso nel PC”. Metto una bella musica, due parole e quel video dice tutto da sé.

Io sono con te…

…perché il nostro legame è il posto perfetto per la mia anima.

E per non farci mancare niente, un piccolo album degli anni andati:

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

2 Comments

Ora tocca a te

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.